«Non sono bella, e non lo sarò mai. Ma non importa. Posseggo qualcosa di molto meglio: lo stile». Iris Apfel

Con questa frase celebre, che inneggia in un noto spot televisivo, Iris Apfel, icona indiscussa di stile e carisma alla veneranda età di 94 anni sbaraglia la concorrenza delle “Beauty top” insegnando il rispetto della vita a qualsiasi età.

Eppure una delle più grandi preoccupazioni che accomuna uomini e donne di ogni estrazione sociale, e più nello specifico dai 35 anni in poi, è quella di invecchiare.

L’invecchiamento, così come lo conosciamo, è un processo fisiologico inarrestabile e la soluzione più rapida e veloce è ricorrere alla chirurgia estetica e rigenerativa, sebbene anch’essa sia solo parzialmente risolutiva.

Apparentemente sembrerebbe che questo tipo d’intervento, supportato da sedute di “Botox” e “Acido ialuronico”, potrebbe rappresentare la soluzione migliore per cancellare i “segni del tempo”, ma a che prezzo?

Purtroppo il viso perde spesso di naturalezza e il rischio di risultare inespressivi è elevato.

Che fare allora?

La maggior parte delle mie clienti dichiarano di voler ottenere un’aspetto più giovanile e curato, ma in modo del tutto naturale. Alcune sono agofobiche e non sopportano l’idea di associare la bellezza estetica al fastidio che alcuni trattamenti arrecano, altre si trovano  a fare i conti con la mancanza di tempo, voglia e pazienza … ma questa è tutta un’altra storia!

Spesso hanno la soluzione davanti agli occhi, ma ignorano come utilizzarla a proprio favore per raggiungere i risultati desiderati. A volte riconoscono il problema nell’inefficacia del prodotto, sottovalutando l’importanza del rituale, o più semplicemente non sono disposte a investire tempo e impegno per cambiare le abitudini per raggiungere finalmente ciò che desiderano.

Tempo fa consigliai a una cliente di cambiare trattamento perché la sua pelle, ormai visibilmente ispessita e asfittica, era diventata poco ricettiva ai prodotti anti-età. Le ripetevo che per migliorarne l’aspetto doveva esfoliare regolarmente il viso, stimolandolo in profondità con un siero e idratandolo superficialmente con un emulsione non grassa.

Ma, come in molti casi accade, le abitudini e le convinzioni radicate presero il sopravvento.

Il risultato fu che la paura di cambiare la persuase a rimanere radicata alle proprie abitudini. Ma cosa sarebbe successo se avesse perseguito una nuova strada e colto l’opportunità?

 Albert Eistein diceva

Quando si raggiunge  la consapevolezza arriva anche la chiarezza e non siamo più condannati a ottenere sempre lo stesso tipo di risultati. Qualunque decisione tu debba prendere, qualunque risultato tu voglia ottenere o raggiungere il primo passo sarà sempre quello di aumentare il livello di CONSAPEVOLEZZA.

Cambiamo prospettiva

La medicina moderna, ha ridefinito le regole dell’invecchiamento.

Se fino a qualche anno fa per invecchiamento s’intendeva l’avanzare dell’età anagrafica, oggi la scienza ci dice che sono i danni cellulari a decretare il nostro livello di giovinezza o maturità.

L’invecchiamento è infatti causato da uno squilibrio interno generato sia da fattori  “genetici” (deficit cellulari, stress ossidativi e glicazione) che da fattori “esterni” (sole, alimentazione sbagliata, fumo, alcool, smog, stress), responsabili della progressiva degenerazione cutanea.

Quando una cellula è danneggiata lavora con minor efficacia, produce proteine di scarsa qualità, è meno efficiente nel soddisfare i bisogni imminenti della pelle che, a sua volta, è soggetta a stress ossidativo e costanti cambiamenti ormonali. In concreto, questi squilibri determinano a livello superficiale un assottigliamento della pelle, una maggiore sensibilità, la mancanza di idratatazione e elasticità, e la comparsa di macchie brune diffuse.

A livello più profondo l’assottigliamento del tessuto adiposo e il conseguente svuotamento delle guance, conferisce al volto la tipica espressione triste, che è ancora più esasperata dalla conseguente perdita di tensione cutanea e dalla carenza di collagene ed elastina.

Il segreto della longevità è quindi racchiuso nelle cellule e nella qualità del nostro stile vita.

iris-2Courtesy Google images

Adesso vi chiedo: volete scoprire il segreto della longevità?

Se a livello genetico la cellula danneggiata può essere sostituita e rimpiazzata dalle cellule staminali adulte, a livello ambientale sono le nostre scelte a decretare il grado di invecchiamento del corpo.

Sapevi infatti che con alcuni accorgimenti è possibile intervenire concretamente sull’invecchiamento interno.

Facciamo alcuni esempi.

Anziché farti “baciare”dal sole in modo incondizionato, potresti utilizzare regolarmente una buona protezione solare e magari assumere integratori a base di antiossidanti al fine di ridurre i danni degenerativi al collagene ed elastica, e prevenire così l’insorgenza di macchie, rughe e arrossamenti cronici.

Una dieta equilibrata può altresì ridurre i processi infiammatori e degenerativi cutanei, che stanno alla base della perdita di tono, elasticità e compattezza della pelle (vedi glicazione) e aiutare a mantenere un livello energetico ottimale, migliorando il benessere della persona.

Un corretto rituale estetico, supportato dall’applicazione di una crema viso adeguata alla tipologia di pelle, potrebbe contribuire a riattivare i processi rigenerativi e riparatori della pelle con conseguente miglioramento a livello di levigatezza, elasticità e tonicità.

Adottare una strategie vincente nella cura personale ti permette di avere un aspetto curato e longevo senza stress o interventi invasivi. Ti consente di contenere e arginare i danni causati dalla vita di tutti i giorni, stressante e frenetica. Ti permette di mostrarti al meglio:  “perché prevenire è sempre meglio che curare”!

 

   Courtesy Jeunesse Global

Adesso scoprite quali sono i miei due segreti di bellezza: tutti i giorni utilizzo un corretto rituale di bellezza e un buon integratore. Nella mia beauty routine non devono mai mancare le mie 3 fasi: la fase preparatoria, la fase di trattamento e quella di protezione.

Con la fase preparatoria rimuovo ogni forma d’impurità, predisponendo la pelle ad accogliere il trattamento. Con la fase di trattamento (crema giorno, notte e siero) aiuto la pelle a compensare le carenze strutturali e funzionali, mentre  con la protezione preservo il mio viso dal foto-invecchiamento,   

L’integratore mi aiuta invece a contrastare dall’interno la senescenza cellulare, “stimolando” le cellule a lavorare meglio. Purtroppo ogni giorno si sottovaluta che gli alimenti ingeriti possono influenzare positivamente o negativamente il benessere interiore.

Il Resveratrolo, per esempio, presente nella buccia dell’uva: ripara il DNA cellulare, garantisce un’ottima azione antiossidante e antinfiammatoria, migliora  la durata delle cellule e attiva il gene della longevità.

Infondo anche gli antichi ne conoscevano i benefici decantando le proprietà del vino rosso di cui è ricco.

Bene, spero di averti incuriosito a sufficienza per suscitare in te il desiderio di saperne di più.

Se vorrete potrete prenotare una consulenza personalizzata tramite il mio sito o la mia App

http://mypushop.com/s/2d5107/

Scarica il mio EBOOK

Leave A Comment

Facebook FanPage