Bob Style

Caschetto, Bob, Carré…… Storia di un taglio femminile che iniziò a fare di tendenza già negli anni ’20.

Creato a Parigi nel 1909 dal parrucchiere Antoine, quasi alla fine della prima guerra mondiale il carré diventò popolare in buona parte d’Europa e negli Stati Uniti.

Bob cut era il cosiddetto taglio alla maschietta con cui le donne degli anni venti cominciarono a tagliarsi in modo deciso i lunghi capelli fino a quel momento considerati intoccabili. Una delle prime ad adottarlo fu l’attrice francese Polaire, che lo sfoggiava già negli anni dieci.

originalMa fu la celebre ballerina Irene Castle a designare il successo, tagliandosi i capelli con un taglio che venne definito Castle Bob. Dopo di lei, il taglio alla maschietta fece il salto qualitativo che, da stile poco rispettabile, lo fece diventare all’ultima moda.

Irene-Castle-Hair-BobLa nuova pettinatura denotava modernità e indipendenza e col tempo fu considerata un simbolo dell’emancipazione femminile.

Negli anni ’60 il carré ebbe una impennata di popolarità, grazie alle nuove varianti di design, frutto dell’interpretazione di importanti stilisti come Jean Muir, Mary Quant e Vidal Sasson.

MARY-QUANT-1963-1-C26128Ispirandosi a Louise Brooks, ballerina, showgirl e attrice statunitense del cinema muto, Guido Crepax creò il personaggio a fumetti di Valentina, che sfoggiava un taglio a carré nella Milano in cui imperavano i Vergottini, parrucchieri e, allo stesso tempo, stilisti che tagliarono i capelli anche alla cantante Caterina Caselli, una delle prime ad “importare” la moda del carré e che fu addirittura soprannominata Casco d’oro, per via dei suoi capelli biondi.

valentina-guido-crepax

Negli anni ’70 e ’80 il carré fu “offuscato” da tagli più moderni, fino a quando di recente l’attrice Uma Thurman lo riportò alla ribalta nel film Pulp Fiction del 1994.

In seguito altri personaggi celebri da Victoria Beckham, alla cantante Rihanna, a Naomi Campbell, a Katie Holmes hanno contribuito al suo rilancio.

Ultimamente si sente molto parlare anche di wob che sta’ per wavy bob, o “bob ondulato”.

Taylor-Swifts-Retro-Wavy-Bob-At-VMA-2014Si tratta, in pratica, di una mezza misura, poco sotto le orecchie o qualche centimetro sopra le spalle, che è accompagnata da uno styling morbido e ondulato, quasi riccio.

In più di 100 anni di storia quel primo taglio creato da Antoine, ha fatto tendenza, creato icone di stile, rappresentato l’emancipazione femminile….. e chissà quante altre storie avrà da raccontare.

Ti aspetto al prossimo articolo

Kiss you

Leave A Comment

Facebook FanPage